Promuovere ogni attività culturale, politica, ricreativa e sociale tendente al coinvolgimento e alla partecipazione attiva dei cittadini alla vita collettiva, culturale e amministrativa del territorio in attuazione dei valori di democrazia, uguaglianza, partecipazione, trasparenza, solidarietà e sussidiarietà;


Questa è una storia che inizia con cinque ragazzi, tra cui due cugini, che per amore dell'arte lanciano una “call for artists”, ossia una chiamata per gli artisti, nel giardino di casa, a Ciampino. E' l'estate del 2018, fa caldo e nel giardino di casa si conoscono le persone, gli amici, gli artisti del territorio che saranno i protagonisti delle vicende di questa storia. 

I movimenti Città in Comune, Partecipazione Civica, Potere al Popolo Ciampino e le associazioni Officine Civiche e Ciampino Bene Comune, sono liete di invitarvi ad un’iniziativa pubblica per parlare della resistenza in Rojava e  conoscere meglio il confederalismo democratico, un modello sociale e politico alternativo a quello imposto dal moderno stato-nazione e dal capitalismo, che le comunità a maggioranza curda stanno sperimentando in Siria del Nord. 

 

La Città Pubblica sta sparendo, pezzo dopo pezzo, mentre si attua l'esclusione sociale dei cittadini. Il luogo che sta nascendo è cemento o merce da mettere a rendita, un ghetto privo di regole.
La nostra città è in vendita. Tutto ciò che è pubblico, che appartiene a ognuno di noi e dunque a tutti quanti, viene privatizzato.

"Proprio come la vera funzione dello Stato capitalistico nell’amministrare la società della produzione era quella di assicurare un continuo e proficuo incontro tra il capitale e il lavoro, mentre la vera funzione dello Stato che presiede alla società dei consumi è di assicurare il frequente e positivo incontro tra i prodotti di consumo e i consumatori, così il punto focale dello Stato culturale, ossia dello Stato orientato verso la promozione delle arti, deve concentrarsi sul garantire e coadiuvare il continuo incontro tra gli artisti e il loro pubblico. È dentro questo tipo di incontro che le arti della nostra epoca vengono concepite, generate, stimolate e realizzate".

Questo appello è rivolto a tutti gli artisti, a coloro che lavorano nella diffusione del sapere e della conoscenza, ai lavoratori della cultura. E a tutti i cittadini appassionati.

Raccontare il mondo per immagini fa sempre più parte del nostro vivere quotidiano.

La leggerezza e i costi ridotti delle tecnologie digitali hanno favorito l'utilizzo diffuso del video e della fotografia: si tratta di un fenomeno positivo, che “democratizza” il racconto del reale.

Sabato prossimo si terrà l’edizione 2016 della Notte Bianca promossa dall’Amministrazione Comunale. Dalle 17 alle 2 del mattino, sono previsti “…eventi culturali, enogastronomia, sport, fitness, danza, spettacoli, animazione, musica, stand e artigianato, giochi e servizi”. Questo il programma ampiamente pubblicizzato sul sito del Comune.

La Città Pubblica sta sparendo, pezzo dopo pezzo, mentre si attua l'esclusione sociale dei cittadini. Il luogo che sta nascendo è cemento o merce da mettere a rendita, un ghetto privo di regole. La nostra città è in vendita: Tutto ciò che è pubblico, che appartiene a ognuno di noi e dunque a tutti quanti, viene privatizzato. 

VENERDI 5 FEBBRAIO - dalle ore 18.00, presso il Dub's Pub.
Presentiamo il libro-inchiesta "A FERRO E FUOCO", sul tema dei campi nomadi e del dramma dei fuochi illegali.

Chi e cosa c'è dietro i roghi tossici della Barbuta che inquinano l'aria anche a Ciampino?
La risposta populista su base etnica è funzionale a chi vuole continuare a inquinare, in un rapporto vizioso tra settori dell'economia locale e criminalità organizzata.